News
Dettagli  
30.01.2016
COMUNICATO STAMPA: Manfredonia, sgombero “Riservetta”: il progetto LIFE può proseguire
L'esecuzione dell'ordinanza di immissione in possesso della cosiddetta “Riservetta”, effettuata venerdì scorso a Manfredonia, consentirà di avviare la fase più importante del progetto LIFE “Zone umide sipontine”. Già da lunedì prossimo, infatti, si darà inizio alle operazioni di scavo per il ripristino delle aree umide alla foce del Candelaro.
Le operazioni sono state condotte dal Consorzio per la Bonifica della Capitanata, che ha emesso l'ordinanza, con l'ausilio di decine di agenti e militi di Polizia, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato, Guardia di Finanza e Polizia municipale, tutti coordinati dal Commissariato di P.S. di Manfredonia e dalla Prefettura di Foggia. L'imponente dispiegamento di forze ha fatto sì che le operazioni si siano svolte senza incidenti e con la collaborazione degli occupatori abusivi, come opportunamente consigliato dal loro legale di fiducia che pure era presente alle operazioni.
L'accesso alle aree ha consentito di prendere atto della natura delle occupazioni effettuate negli anni, consistenti nella realizzazione di numerose costruzioni e manufatti di vario genere e nella piantagione di ortaggi e giovani piante di olivo. Si è anche constatato che un manufatto precario in pannelli prefabbricati era stato messo in piedi solo poche ore prima dell'esecuzione dell'ordinanza, come evidenziato dal basamento in cemento ancora fresco; circostanza, questa, che ha confermato, se pure era necessario, l'urgenza di intervenire per fermare il degrado dell'area.
<<Un particolare apprezzamento va rivolto al Consorzio di Bonifica e alla Regione Puglia, che con la loro perseveranza hanno dimostrato concretamente come si tutela il territorio, nonché alle forze dell'ordine e al prefetto di Foggia dott.ssa Tirone, che hanno fornito la necessaria assistenza>> ha dichiarato Maurizio Gioiosa, presidente del Centro Studi Naturalistici ONLUS. La sfida per il prossimo futuro sarà quella di individuare un modello di gestione dell'area che coinvolga, in maniera legale e compatibile con la tutela del sito, anche i privati.
L'area della “Riservetta” è collocata immediatamente a sud del canale di scolo dell'idrovora di Siponto ed è delimitata dalla strada provinciale 141 e dalla foce del torrente Candelaro. Storicamente l'area veniva utilizzata come valle da pesca, costituita da una serie di bacini collegati da canali, che successivamente sono stati in parte interrati dagli occupatori abusivi, pregiudicando di fatto la funzionalità ecologica dell'area. Si tratta in sintesi, insieme all'adiacente riserva di Frattarolo e alla vicina Oasi Lago Salso, di uno degli ultimi lembi delle paludi sipontine che, prima delle bonifiche del secolo scorso, occupavano tutta la zona costiera del Golfo di Manfredonia.
Le aree residue dell'originaria palude mantengono un'indispensabile funzione di equilibrio idrogeologico ed ecologico al servizio delle aree bonificate, fornendo fondamentali servizi ecosistemici. Senza di esse anche le aree messe a coltura o successivamente urbanizzate rischierebbero di essere nuovamente allagate o impaludate.
Sono tanti i servizi ecosistemici forniti alla collettività dalle zone umide. Si pensi ad esempio alla loro grande capacità autodepurativa dagli inquinanti presenti nelle acque, o alla riproduzione del pesce, al reintegro delle acque sotterranee e alla protezione dall’erosione e dalle inondazioni.
È evidente che una riduzione dei servizi ecosistemici comporta inevitabilmente una riduzione delle risorse su cui si basa l’economia e il benessere umano. Se ne deduce che la perdita delle zone umide (uno degli ambienti in assoluto più minacciati) a causa delle attività umane, e conseguentemente dei servizi ecosistemici che ne derivano, costituisce un'evidente perdita per tutta la collettività.
Tali attività sono ancora più gravi per un sito come la Riservetta, localizzato presso la foce di uno dei corsi idrici più inquinati della Puglia, dove la presenza di zone umide rappresenta un determinante effetto mitigatore dell’inquinamento e degli eventi idrologici (alluvioni, esondazioni) che possono rappresentare un pericolo diretto per la vita umana ed anche per gli stessi occupatori abusivi.
L'intervento previsto con il progetto LIFE consiste nel ripristino della laguna interrata attraverso la riapertura dei canali, lo scavo delle valli e l'apposizione di organi di regolazione dell'afflusso e deflusso delle acque. Successivamente verrà effettuata la piantumazione di materiale vegetale tipico delle zone umide.
» Azioni preparatorie
Consistono in studi preliminari sugli habitat e le specie, per avere uno strumento...
»leggi
» Azioni concrete di conservazione
Il progetto prevede sette azioni concrete di conservazione, ripristino e miglioramento...
»leggi
 
 
 
Data inizio progetto
» 1 settembre 2010

Data prevista
ultimazione progetto
» 31 dicembre 2018
Beneficiari

Beneficiario coordinatore:
»Regione Puglia

Beneficiari associati:
»Centro Studi Naturalistici Onlus
»Consorzio Bonifica Capitanata
»Oasi lago Salso s.p.a.

Cofinanziatore:
»Provincia di Foggia
Sostengono il progetto

»Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

»Ente Parco Nazionale
del Gargano


»Corpo Forestale dello Stato

»Federparchi

»Comune di Manfredonia
Link utili

Design e sviluppo: sinkronia.it
© 2011. Tutti i diritti riservati all'ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719 - Fotografie Matteo Caldarella, Vincenzo Rizzi.