News
Dettagli  
06.02.2015
COMUNICATO STAMPA: Mareggiata a Manfredonia: tiene la duna alla foce del Candelaro
Una forte mareggiata ha interessato la notte scorsa l'area costiera del golfo di Manfredonia. È stata questa l'occasione per “collaudare” l'intervento di ricostituzione della duna avviato la scorsa estate alla foce del torrente Candelaro, nell'ambito del progetto LIFE “Zone umide sipontine”. E i risultati sono molto incoraggianti.Per tutto il tratto dove è stato ricostituito il primo embrione di duna, la mareggiata è stata efficacemente fermata dal cordone dunario, mentre dove non ha trovato quest'ostacolo, il mare è avanzato per oltre cento metri verso l'interno, fino a lambire le strutture turistiche di Sciale delle Rondinelle che erano state costruite più vicino al mare.Persone del posto, interpellate dagli operatori del Centro Studi Naturalistici ONLUS, hanno sostenuto che una mareggiata di tale intensità non si verificava da molti anni, cosa che rende ancor più significativo il collaudo a cui è stata sottoposta la duna e che dimostra l'importanza di questo tipo di habitat nel contrastare l'erosione costiera.
» Azioni preparatorie
Consistono in studi preliminari sugli habitat e le specie, per avere uno strumento...
»leggi
» Azioni concrete di conservazione
Il progetto prevede sette azioni concrete di conservazione, ripristino e miglioramento...
»leggi
 
 
 
Data inizio progetto
» 1 settembre 2010

Data prevista
ultimazione progetto
» 31 dicembre 2018
Beneficiari

Beneficiario coordinatore:
»Regione Puglia

Beneficiari associati:
»Centro Studi Naturalistici Onlus
»Consorzio Bonifica Capitanata
»Oasi lago Salso s.p.a.

Cofinanziatore:
»Provincia di Foggia
Sostengono il progetto

»Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

»Ente Parco Nazionale
del Gargano


»Corpo Forestale dello Stato

»Federparchi

»Comune di Manfredonia
Link utili

Design e sviluppo: sinkronia.it
© 2011. Tutti i diritti riservati all'ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719 - Fotografie Matteo Caldarella, Vincenzo Rizzi.